W
NW
N
N
NE
W
the Degree Confluence Project
E
SW
S
S
SE
E

Tanzania : Morogoro

4.1 km (2.5 miles) NNW of Ngoulanga, Morogoro, Tanzania
Approx. altitude: 292 m (957 ft)
([?] maps: Google MapQuest Multimap world confnav)
Antipode: 9°N 144°W

Accuracy: 29 m (95 ft)
Click on any of the images for the full-sized picture.

#2: Southeast view at confluence point #3: GPS in the rice field #4: Happy Marek and Sandro #5: To cross or not to cross? #6: Ferries in action #7: On the way #8: Entering rice field #9: Reaching the confluence point #10: Traditional house

  { Main | Search | Countries | Information | Member Page | Random }

  9°S 36°E  

#1: Confluence point - 29 meters ahead

(visited by Marek Duris and Sandro Greblo)

Versione italiana

English

11-Jul-2010 -- Thanks to "strategic" position of Lugala Hospital in Malinyi, where Sandro was doing his survey on Public Health and Marek was working as anaesthetist, both of us had a very good opportunity to try to visit one of the tough confluence points. There was no time for much planning because the date of Sandro's departure was nearing, so we relied only on Google satellite maps and our intuition with sense for orientation; and of course a GPS machine! The rainy season in Ulanga district was about to finish, therefore we expected roads to be passable only for bicycles and that exact place of the Confluence might have been under water since, according to satellite images, it seemed to be situated in the river basin.

On Sunday morning we started our bicycle trip to the village of Tanga. Just after the few first kilometres the initial obstacle occurred, when we were directed to branch from the good road and pass the marshes at the river bank. The advantage of this advice was to save some kilometres which we could have spent on the good road in order to cross the river using the bridge and not to expose our European sensitive and vulnerable feet to the mud, water, and parasites (schistosomes) living there. After short discussion, lots of internal repression and inspiration by the local people, we decided for the adventurous option. We went with bicycles deep into the marshes until we reached the river bank with the strong river current and two local boats operating as ferries. We put bicycles into the second boat; of course already barefooted, and then both of us with other people entered the boat. Just before reaching the other side of the river, we saw the first boat heavily balancing and capsizing with all passengers. Our smiles and good mood got frozen for a moment but luckily enough, we reached the river bank fully dry. The same story with crossing the marshes barefooted repeated again until we joined the road for cars and started the fastest part of the trip.

Before midday we passed the only village, nicely called Tanga, and branching to the right we entered the "shamba" area. (Shamba in Swahili means field). The deeper we went the more narrow the road was and approximately after three kilometres we couldn't continue with bicycles any more. The crop fields changed into high grass, which indicated that the river with the water was getting close. We left both bicycles unlocked, just close to the pathway, expecting that people would not recognize them in high grass and trusting local farmers that they would not be interested in stealing someone's bicycles. Then we started to walk slightly downhill, approaching the river basin, but the Confluence was still in a distance of two and a half kilometres ahead. We passed around temporary dwellings of farmers who were busy in their fields, mostly harvesting the rice, which is such a favourite plant for cultivation in this area. Some of them could not believe seeing in such a remote place "muzungus” (=white people) and tried to make little conversation with us. Both of us know very basic words of Swahili but not that much to be able to explain the reason and the aim of our activity. Sandro got a brilliant idea to answer such question by universal word "SAFARI" (meaning journey, travelling). The answer was so comprehensive that the farmers did not need to question us more and some of them became really friendly, giving us fresh bananas or advising us which pathway to use in order not to get lost in gardens around.

By approaching the confluence point by 200 meters, we realized we walked straight into the rice field which was still full of water and the closer we tried to get, the higher the level of water was. We were not able to perceive any danger, even including the microscopic one, because our aim was so close. Unfortunately the water reached the height of Marek's waist and in the direction towards the Confluence, it was even increasing. So at the distance of 29 meters from the Confluence we decided to stop and celebrate the discovery of the new point, no matter that half of the body was under the water. We can imagine that during the dry season the place can be accessed easily, when all water is drained and the rice is harvested. On the other hand, we are sure that the confluence point was certainly repetitively reached before our "discovery" by local farmers who use to come to their fields. The way home was much easier and not only because of the success.

For a little celebration we chose a nice bar called California which was close to our home in Lugala, but the final deal that is going to happen in Europe, is still coming. Four nice big pills of Praziquantel are waiting to be taken, thanks to our adventure in the water and the paranoia from getting schistosomiasis. A tasteful conclusion of a fruitful trip.

Versione italiana

11-lug-2010 -- Grazie alla posizione strategica dell’ospedale distrettuale di Lugala, vicino Malinyi, regione di Morogoro, nel sud-ovest della Tanzania, dove stavo svolgendo il mio progetto di ricerca per il Master in Sanità Internazionale e Marek stava prestando servizio come anestesista, entrambi abbiamo avuto l’opportunità di tentare la visita ad uno dei più ardui “punti di confluenza”. Non c’è stato molto tempo per pianificare la ricerca del sito perché la mia data di partenza si stava avvicinando, così che abbiamo dovuto fare affidamento su Google Maps e il nostro senso d’orientamento; e ovviamente, sul dispositivo GPS di Marek!

La stagione delle piogge nel distretto di Ulanga fortunatamente era - quasi - giunta al termine, pertanto le strade erano percorribili per gran parte solo dalle nostre mountain bikes. In più, il sito poteva benissimo essere ancora sommerso dall’acqua, visto che, come risultava dalle immagini satellitari, il luogo in questione sembrava essere situato nel bacino di un fiume.

Domenica mattina (11 luglio) abbiamo intrapreso l’avventura: montati in bicicletta, ci siamo diretti verso il villaggio di Tanga. Appena qualche chilometro dopo la partenza, abbiamo incontrato il nostro primo ostacolo, quando siamo stati indirizzati verso una deviazione dalla strada principale per attraversare le prime paludi vicino alla riva del fiume. Il vantaggio di questa “dritta” era di risparmiare alcuni chilometri che altrimenti avremmo dovuto fare sulla strada principale per arrivare ad un ponte e quindi tenere i nostri delicati e vulnerabili piedi europei al lontano dall’acqua e dai parassiti (Bilarziosi in primis) che popolano questi acquitrini (così come in gran parte dell’Africa sub-sahariana ndr). Dopo una breve discussione, decidiamo di seguire il consiglio dei locali e di optare per l’avventura! Scendiamo con le biciclette sino alla riva del fiume attraverso terreni paludosi fino a raggiungere due lunghe canoe che fungevano da “ferry boat” per raggiungere la sponda opposta. Carichiamo le bici sulla seconda imbarcazione e, a piedi nudi, ci immergiamo nell’acqua melmastra e ci accucciamo all’interno dell’instabile canoa. Poco prima di raggiungere l’altra riva del fiume, l’altra imbarcazione si capovolge proprio davanti a noi con tutto il suo carico di uomini e mercanzie! I nostri sorrisi e il nostro buon umore svaniscono per un momento, ma poco dopo, riusciamo a raggiungere incolumi (e asciutti) la sponda opposta. Attraversiamo altre pozze con le bici in spalla fino a quando non incontriamo la strada principale e da qui viaggiamo ad una buona velocità lungo una strada un po’ più confortevole. Prima di mezzogiorno, passiamo l’unico villaggio della zona, dal nome esotico di “Tanga”, per poi proseguire a destra dentro la “shamba” (in Kiswahili: campi, foresta).

Più ci addentravamo nei campi, più la strada si faceva stretta fino a quando, dopo 3 km, siamo stati costretti ad abbandonare (provvisoriamente) le nostre bici. I campi di grano hanno lasciato il posto all’erba alta, segno che il fiume si stava facendo prossimo. Legate le bici tra l’erba alta, con la speranza che non attirassero l’attenzione dei contadini, seppure probabilmente poco intenzionati a rubare delle “sofisticate” mountain bikes, procediamo verso valle, avvicinandoci al bacino del fiume, con la meta ancora distante 2,5 km davanti a noi. Passiamo attorno a capanne di legno e paglia, abitazioni di agricoltori intenti al lavoro nei campi e alla coltivazione del riso, principale risorsa della zona. Alcuni di questi non potevano credere ai loro occhi nel vedere due “muzungus” (=stranieri, uomini bianchi) attraversare queste remote e inospitali zone e cominciano a fare conversazione chiedendoci la nostra destinazione. Entrambi conosciamo ben poche parole di Kiswahili e ci troviamo in difficoltà nel tentare di spiegare loro il motivo della nostra gita, fino a quando non ci viene la brillante di idea di rispondere utilizzando una parola universale da queste parti, ovvero: “Safari”! La risposta sembra soddisfare i contadini che si fanno più cordiali e ci offrono persino deliziose banane consigliandoci quale sentiero prendere in modo da non perderci nell’intricato labirinto di campi che circonda la nostra meta finale.

A 200 metri di distanza dal punto esatto della confluenza tra il 9° meridiano Sud e il 36 parallelo Est, ci rendiamo conto di essere nel bel mezzo di un acquitrinoso campo di riso, ancora intriso d’acqua! Più ci avviciniamo, più il livello dell’acqua si fa più alto, costringendoci a percorsi alternativi e facendoci perdere tempo, quando siamo ormai così vicini! Non ci rendiamo conto di alcun pericolo, nemmeno di quelli più piccoli e invisibili, perché sentiamo di essere ormai prossimi al traguardo. Sfortunatamente, ad un certo punto, Marek affonda fino alla vita nell’acqua (rischiando di danneggiare la macchina fotografica e, ancora più importante, il GPS), così che a 29 metri dalla “confluenza” decidiamo che il traguardo è raggiunto e ci lanciamo in celebrazioni per la scoperta di un nuovo “punto di confluenza”! Anche se ricoperti di acqua e fango fino alla vita, ce l’abbiamo fatta!

Probabilmente il sito sarà facilmente raggiungibile durante la stagione secca, quando l’acqua sarà drenata e il riso raccolto, così come è possibile che senza saperlo, molti contadini si sono trovati diverse volte esattamente in quel punto immaginario che oggi ci è costata tanta fatica, ma anche tanta soddisfazione.

Rientrati a Lugala, brindiamo con una coca cola al “bar California”, ripensando all’avventura e sperando di non aver incontrato troppi vermi sul nostro cammino! Non possiamo saperlo, ma nel dubbio ci procuriamo quattro grosse pillole di Praziquantel e le portiamo con noi in Europa come souvenir di questa gita, insieme alla paranoia di aver contratto lo schistosoma! La giusta conclusione di una vera avventura nella profonda Africa rurale.


 All pictures
#1: Confluence point - 29 meters ahead
#2: Southeast view at confluence point
#3: GPS in the rice field
#4: Happy Marek and Sandro
#5: To cross or not to cross?
#6: Ferries in action
#7: On the way
#8: Entering rice field
#9: Reaching the confluence point
#10: Traditional house
ALL: All pictures on one page (broadband access recommended)